3

Disegno a matita grassa su carta antica a firma Kolomon Moore, realizzato nel primo decennio del Duemila (circa)

Qui nel sito non ne ho mai parlato. Altrove sì. La questione è Kolomon Moore, al secolo l’abile disegnatore – più per questioni di marketing, in verità – che gli si nasconde dietro. Vado dritto al sodo. Anch’io come tanti altri sono stato coglionato dalla storiella del vecchio baule e dell’artista ebreo finito ucciso in un campo di concentramento e rimosso dalla storia del Novecento, al punto di aver pagato nel 2012 un foglio 400 euro (Signore, pietà!). Ho smesso di interessarmi al disegnatore con lo pseudonomo quando ho capito – grazie a una piccola ricerca sul campo e qualche buon informatore – che si trattava appunto di un disegnatore con lo pseudononimo, tuttora in fervente attività, tutto qui. Oggi Kolomon è per tutti una storiella metropolitana, una bufala che per anni ha prosperato sui lidi del web, nei mercatini dell’antiquariato e nei discorsi di qualche incauto critico d’arte. Ma la verità – pur spoglia di molto elementi di verità – presto è venuta a galla. E se fino a pochi anni fa i disegni di Kolomon tiravano, arrivando a costare anche qualche centinaio di euro, oggi i fogli – ma la produzione è pressochè sterminata e in costante aumento – non se lì fila più nessuno, nessun autore ne parla e i critici, capita la cantonata, hanno girato la testa. Fra questi sprovveduti, vado certamente annoverato anch’io e per questo faccio pubblica ammenda. Per espiare la mia colpa ho aperto una pagina in Facebook. E il titolo non poteva che essere: Kolomon Moore – la bufala dei disegni ritrovati.

Kolomon Moore – la bufala dei disegni ritrovati

cattura

La bottiglia e i bicchieri: il ‘celebre’ logo di Kolomon Moore

2 thoughts on “Kolomon Moore – La bufala dei disegni ritrovati

  1. Gent.mo Stefano Loparco, espii pure la sua colpa come crede, ma non trovo in quanto scrive alcuna notizia certa sull’argomento proposto. Augurandomi che trovi quanto cerca, la rileggerò quando accadrà! Saluti, Michele

    Mi piace

  2. Lei è un uomo esigente, Michele, ma cerca nel luogo sbagliato. Le ‘notizie certe sull’argomento proposto’ – di cui scrive – rimandano, appunto, alle sue parole, non alle mie intenzioni. Chi vorrà sapere il nome di battesimo dell’illustratore, dovrà darsi da fare. La questione non mi riguarda. Io rimango al solo fatto per me dirimente: Kolomon, oggi, 2017, disegna. Con buona pace del vecchio baule e dell’artista ebreo finito ucciso in un campo di concentramento, ecc, ecc
    Questo avevo da dire, questo ho detto.

    Saluti.

    Stefano

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...